Recensioni

LunarCity, tra le missioni Apollo e il Gateway

Il 17, 18 e 19 febbraio il docufilm di Alessandra Bonavina sarà in 85 sale cinematografiche. Racconta le sfide dell’uomo sulla Luna tra passato, presente e futuro. Ripercorrendo i passi che abbiamo fatto e illustrando quelli che dovremo fare per costruire il nostro futuro sulla Luna.

Ci sono tre piani temporali su cui si può trattare l’argomento dell’esplorazione lunare: il passato, raccontando la corsa allo spazio e le missioni Apollo, il presente, raccontando l’epopea Moon-To-Mars che vorrebbe riportare l’uomo sulla Luna nel 2024, e il futuro, in cui l’uomo sulla Luna non ci fa solo le passeggiate e qualche esperimento, ma ha una base in cui poter vivere e sperimentare – un po’ come oggi si fa sulla Stazione spaziale internazionale – e magari anche un porto per le missioni interplanetarie.

In LunarCity – in programma da lunedì 17 a mercoledì 19 febbraio in 85 sale cinematografiche italiane – i tre piani sono sovrapposti, sottolineandone la continuità. La storia dell’esplorazione lunare è sicuramente divisa in più fasi, ma l’ondata di interesse attuale non ci sarebbe mai stata se in quel lontano luglio del 1969 un uomo non avesse fatto quel piccolo grande passo sul suolo lunare.

La locandina del film

Sì, perché quel piccolo passo per l’uomo, quel grande passo per l’umanità ha segnato una svolta nel nostro modo di vederci confinati all’interno di un singolo pianeta, ha cambiato il modo in cui vediamo la nostra posizione nell’universo. Con quel passo abbiamo capito che i limiti sono destinati ad allargarsi sempre più con il tempo, con la tecnologia, con lo sforzo di milioni di persone che lavorano costantemente per questo obiettivo comune.

E proprio su questo obiettivo si concentra LunarCity, sul ripercorrere i passi che abbiamo fatto e che dovremo fare per costruire il nostro futuro sulla Luna. I passi questa volta non potranno essere di pochi uomini e non potranno essere percorsi con una sola bandiera in braccio. Il futuro della Luna, e dello spazio in generale, non è più quello di una competizione in stile Guerra Fredda, ma ha bisogno della collaborazione di tutte le potenze spaziali, di uno sforzo comune per un obiettivo comune.

Attraverso una serie di interviste a figure chiave degli sviluppi attuali dell’esplorazione lunare, LunarCity racconta di una stazione spaziale cislunare, del gateway cui gli astronauti potranno attraccare con una normale capsula Orion dopo appena qualche giorno di viaggio, dei moduli abitativi che consentiranno di sopravvivere all’arido e privo di atmosfera ambiente lunare. Il documentario si concentra soprattutto sugli sviluppi che stanno avvenendo in casa Nasa e sui contributi forniti dalle aziende italiane, ma da ogni virgola traspare chiaramente che questo futuro non potrà avvenire senza lo sforzo congiunto di tutti. Perché, come dice la astronauta Tracy Dyson in una delle interviste, l’obiettivo è quello di “creare, con la collaborazione di tutti, delle fondamenta forti. Solo in questo modo continueremo a costruire il futuro nello spazio”.

Guarda il trailer:

Rispondi